Conosci davvero i tuoi costi di produzione? 3 consigli da seguire

controllo dei costi di produzione

Per raggiungere il massimo profitto da ogni prodotto, è necessario focalizzarsi su un concetto: il controllo analitico dei costi di produzione.

Il costo di produzione – definito anche come costo dei processi di trasformazione – è la somma di tutti i costi di utilizzo dei fattori impiegati nel processo produttivo.

A cosa serve conoscerlo e controllarlo? A tanto, possiamo dire!
Una sua panoramica minuziosa permette di:

  • sapere quanto costa realizzare un articolo
  • valutare la convenienza economica di una linea
  • calcolare l’efficienza dei processi di produzione
  • determinare l’incidenza dei costi sul processo produttivo per tipologia
  • definire il prezzo di vendita del prodotto sul mercato

 

I costi di produzione: non uno ma tanti

Parlare dei costi produttivi è piuttosto complesso, perché le variabili da tenere in considerazione sono tante.

Al tempo stesso è però fondamentale, perché gran parte delle decisioni d‘impresa – sia di breve che di lungo periodo – richiedono profonde analisi dei costi. Oggi più che mai.

Il primo passo di una strategia di controllo è quello di individuare le diverse tipologie di costo.

Costo Fisso

Costo Variabile

il suo importo non cambia al variare del volume della produzione.

Esempio: stipendi, ammortamenti, mutui/affitti, spese telefoniche sono cosi che restano invariati se si producono 10 pezzi o 50 pezzi di prodotto finito.

il suo importo cambia al variare dei volumi di produzione e di vendita.

Esempio: materie prime, manodopera diretta, trasporti sono costi che aumentano quando aumenta il numero di pezzi prodotti.

Costo Diretto

Costo Indiretto

è relativo ai fattori produttivi impiegati direttamente per produrre un prodotto, a cui sono attribuiti direttamente e in modo univoco.
è relativo ai fattori produttivi impiegati per produrre più prodotti, a cui sono attribuiti in modo indiretto e non univoco.

Costo Totale

Costo Medio

è dato dalla somma tra costi fissi e costi variabili.
si ottiene dividendo il costo totale per il numero di unità prodotte.

Costo Standard

Costo Effettivo

è quello previsto dal budget dei costi.
è quello che è stato realmente sostenuto.

 

L’imprenditore ovviamente ha interesse a conoscere i propri costi e soprattutto a contenerli, visto che il suo profitto dipende dalla differenza tra ricavi e (appunto) costi.
Possiamo dire che le tipologie più analizzate in produzione sono:

  • il costo di manodopera
  • il costo di materiale
  • il costo dei macchinari
  • il costo di trasporto
  • costi vari (acqua, luce, gas, …)

Come si imposta allora un buon controllo dei costi di fabbrica?
Dalla nostra esperienza abbiamo capito che sono 3 i consigli essenziali che gli imprenditori dovrebbero seguire. Li vediamo di seguito nel dettaglio.

 

Parti dal budget per controllare i costi di produzione: il primo consiglio

Il primo consiglio è quello di formulare un budget dell’area produzione.

Costi di produzione: parti dal budget
Il budget di produzione è il documento che stima i costi delle risorse necessarie per produrre i volumi stimati dal budget delle vendite.
Stabilisce quindi:

  • la quantità fisica di prodotti da realizzare
  • il fabbisogno di risorse necessarie (dirette e indirette)
  • i costi per garantire la produzione stabilita

 

La caratteristica principale

Il budget ha la caratteristica di fungere da “collante” tra le spese dei vari reparti aziendali.
Esprime infatti dei valori di costo che tengono conto dei budget di altre aree, come ad esempio gli acquisti o le scorte di magazzino.

Avere infatti una visione d’insieme di tutte le previsioni di spesa permette alla Direzione di trovare un punto di equilibrio per evitare di ritrovarsi, a fine ciclo produttivo, con dei costi superiori al limite massimo sostenibile dall’azienda.

Perché serve il budget della produzione

Parliamo di un documento di grande utilità. In un reparto produttivo il budget serve per 3 motivi principali:

  • è lo strumento con cui fare previsioni sull’andamento economico-finanziario della produzione
  • permette di stabilire gli obiettivi da conseguire in termini di efficienza e rendimento
  • permette di pianificare e prevedere le risorse da utilizzare (e quindi i relativi costi)

 

Passa dal budget al controllo continuo dei costi: il secondo consiglio

Le aziende – lo sappiamo – oggi lavorano in mercati caratterizzati dalla riduzione dei margini economici.
Per questo la competitività si gioca sulla capacità di gestire e controllare i costi.

Il secondo consiglio che vogliamo dare è pertanto legato alla sfida della competitività. Per vincerla, occorre avviare una analisi e una ottimizzazione continue dei costi. In altre parole, occorre allineare le tecniche di produzione al budget aziendale.

Come si fa?
Con l’impostazione di un sistema di rilevazione dei costi e di analisi degli scostamenti orientato al miglioramento dei processi.

Costi di produzione: passa al controllo continuo
Rilevare i costi di produzione significa avere in azienda un flusso di informazioni affidabili e misurabili che fanno da base alle decisioni strategiche e operative di imprenditori e manager.

Saper rilevare e analizzare i costi è l’elemento che determina la vita e la crescita dell’impresa sul mercato.

 

Come passare al controllo continuo dei costi di produzione

Partendo dal budget della produzione visto sopra, il processo di controllo dei costi passa allo step successivo, quello dell’analisi degli scostamenti.
In altre parole, un buon sistema di controllo è in grado analizzare la differenza tra il costo PREVISTO nel budget e quello EFFETTIVO rilevato nei reparti di produzione.

Il controllo continuo si articola in diverse operazioni. Le possiamo sintetizzare così:

  • si raccolgono le informazioni di produzione
  • si rilevano i costi
  • si confrontano i costi con il budget
  • si individuano gli scostamenti e le aree critiche in cui si verificano
  • si eliminano le attività non a valore aggiunto
  • si riducono i costi delle inefficienze
  • si raggiungono gli obiettivi del budget

 

Ottimizzare i costi: i consigli per le aziende manifatturiere. Scarica l’ebook per la produzione industriale, clicca qui.

 

Fai il controllo continuo con uno strumento operativo: il terzo consiglio

Veniamo adesso al consiglio più pratico, quello che ci porta a parlare di costificazione della produzione.

Costificare significa dunque capire quanto ogni tipologia di costo “pesa” sulla produzione: materiali, lavorazioni interne, lavorazioni esterne, tempi operativi, tempi di attrezzaggio, manodopera, ecc….

Come si fa?
Con la gestione e l’analisi della distinta base, chiamata anche BOM (Bill Of Materials). Ecco il nostro terzo consiglio.

Costi di produzione: passa al controllo continuo
Gestire la distinta base significa avere un documento che stabilisce l’elenco dei materiali e delle lavorazioni necessari alla realizzazione di un prodotto finito o di un semilavorato.

Gestire la distinta serve a tre scopi:

  1. organizzare i processi di approvvigionamento del materiale
  2. fare l’analisi dei costi di fabbrica
  3. studiare le aree critiche da correggere

 

A cosa serve la distinta base

Vista la sua funzione, la distinta base completa quindi il processo di controllo dei costi di fabbrica:

  • scopre l’origine dei costi diretti di produzione
    l’azienda riesce a sapere dove programmare strategie di risparmio e come allocare al meglio le risorse a disposizione
  • misura il costo industriale dei prodotti
    l’azienda conosce il costo esatto in base ai materiali da utilizzare e alle lavorazioni necessarie, con tempi e risorse da impiegare

 

Le analisi della produzione con la distinta base

Vediamo allora quali sono le analisi possibili in produzione che hanno come punto di riferimento (e anche di partenza) proprio la distinta base.

Analisi della composizione di un prodotto
è quella che mostra nel dettaglio gli elementi che compongono un prodotto. Esprime quindi la composizione del suo costo industriale:

  • costo per il fabbisogno di materie prime
  • costo per le lavorazioni esterne
  • costi per le attività di attrezzaggio dei macchinari
  • costi di lavorazione
  • costi dei semilavorati impiegati durante il ciclo produttivo

Analisi dei costi per categoria
è l’analisi con cui si misurano i costi per tipologia, per capire come si distribuiscono e come incidono sul costo finale di produzione:

  • attrezzaggio
  • lavorazioni interne
  • lavorazioni esterne
  • materiali

Analisi del prezzo finale di vendita
permette di rivedere il prezzo del prodotto sulla base dei costi reali di produzione. Questa analisi porta a migliorare il rapporto qualità/prezzo e aiuta a definire prezzi competitivi ma al tempo stesso non pericolosi per il rendimento dell’azienda.

 

Gestisci l’azienda partendo dai costi

Concludiamo questo approfondimento dicendo che un’attenta analisi del costo è una leva strategica nella gestione dell’impresa.

Non solo: questa attività di analisi è l’unica che garantisce al management dati utili per prendere decisioni strategiche di spessore sugli approvvigionamenti, sulle vendite, sull’infrastruttura. Analizzare i costi, soprattutto, aiuta a incrementare la marginalità sui prodotti venduti.

Per poter raggiungere tutti questi obiettivi, è però necessario che l’analisi dei costi di produzione venga effettuata con gli strumenti adeguati e con le tecniche giuste.

Ti abbiamo dato i nostri 3 consigli. Vuoi provare a metterli in pratica?

 

Scarica ebook Manifattura Competitiva in Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Passa al prossimo step:

1.

Scopri perché usare Bravo

Puoi guidare la tua azienda come un pilota di go-kart! Produrre non è solo sudore ma anche divertimento.

2.

Leggi i casi di successo

Le aziende raccontano le loro esperienze con Bravo. Le abbiamo raccolte nelle storie di successo di #bravomes.

3.

Conosci le funzionalità

Bravo Manufacturing ti aiuta a prendere il controllo dei processi produttivi. Scopri tutto quello che puoi fare.

© 2012-2021 Antos S.r.l.   |   Tutti i diritti riservati.