Progettare la riorganizzazione agile del lavoro: il MES come risorsa per lo smart working

Smart working e lavoro agile per la sicurezza in fabbrica

Oggi più che mai — in epoca Covid-19 — si parla di riorganizzazione del lavoro, di nuovi modelli che mettano al sicuro le persone senza però comprometterne l’efficienza e la produttività.

Le aziende, dall’inizio della pandemia, sono infatti corse a cercare soluzioni lavorative per non spostare le persone, per farle lavorare da remoto, anche da casa.
I termini smart working, lavoro agile, lavoro digitale hanno arricchito il nostro lessico negli ultimi mesi insieme ad altri, come fase 1, fase 2, chiusure, restrizioni, ripartenza.

Smart working e agile working, cosa sono?
Sono due modelli organizzativi che, oltre all’azienda, mettono al centro la persona che lavora. Cadono le barriere fisiche del luogo di lavoro (perché si lavora ovunque) ed entrano in gioco la flessibilità e la capacità di lavorare per iterazioni.

 

smart working per non fermare le attività

Per organizzarsi a lavorare in modo flessibile senza interrompere la produttività e con il massimo di efficienza occorrono però le tecnologie.
Ci riferiamo agli applicativi software per portare avanti il lavoro, che sia in ufficio o anche in fabbrica.

Torniamo allora a parlare di tecnologie abilitanti, quelle che permettono il cambiamento e — dunque — la resistenza alla crisi.

Puntare sul software

ripartenza

 

Per le aziende è fondamentale puntare sul software.
Smart working e lavoro agile sono possibili con i sistemi digitali che cambiano l’organizzazione del lavoro e delle fabbriche.

Al centro di nuovo la tecnologia.
Elemento con cui connettere le persone, le fabbriche, le macchine, gli impianti.
Elemento con cui estrarre e condividere le informazioni per mettere in atto la gestione smart di persone, processi, commesse e dati.

E di nuovo, insieme alla tecnologia, parliamo di sistema MES (Manufacturing Execution System), vale a dire di software industriale per la raccolta, la gestione e il controllo dei dati sui processi produttivi.

Il software MES diventa quindi,  per l’azienda di produzione, una risorsa importante per attivare nuove modalità di lavoro (smart e agile), per riorganizzare e garantire continuità in condizioni di emergenza. Ecco perché:

smart working
le informazioni si controllano ovunque

smart working
si produce con l’obiettivo dell’efficienza in progress controllando, a ogni step di avanzamento produttivo, come le performance cambiano

smart working
la produttività non si interrompe

smart working
si rispettano le misure di sicurezza

smart working
il controllo remoto riduce la presenza fisica sul posto di lavoro e quindi le occasioni di contatto

Il software MES può cambiare l’organizzazione del lavoro in fabbrica.

Cosa ne pensi? Hai introdotto lo smart working nella tua azienda?
Lasciaci un commento …. oppure, se vuoi confrontarti con noi

Contattaci e parliamone

 

Se questo argomento ti è piaciuto e vuoi restare in nostra compagnia, ti proponiamo altri articoli che potrebbero interessarti. Approfondiscono gli aspetti organizzativi delle industrie italiane, con esempi e ipotesi per non tralasciare nessuna riflessione sul tema della ripartenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Passa al prossimo step:

1.

Scopri perché usare Bravo

Puoi guidare la tua azienda come un pilota di go-kart! Produrre non è solo sudore ma anche divertimento.

2.

Leggi i casi di successo

Le aziende raccontano le loro esperienze con Bravo. Le abbiamo raccolte nelle storie di successo di #bravomes.

3.

Conosci le funzionalità

Bravo Manufacturing ti aiuta a prendere il controllo dei processi produttivi. Scopri tutto quello che puoi fare.

© 2012-2020 Antos S.r.l.   |   Tutti i diritti riservati.