KPI di produzione per evitare gli scarti

L’industria manifatturiera è un settore che richiede oggi un’efficienza senza compromessi e uno degli strumenti più potenti per raggiungere questo obiettivo sono i KPI di produzione (Key Performance Indicators), ovvero gli indicatori chiave di performance.

Questi indicatori offrono preziose informazioni sulle prestazioni e sull’andamento dei processi produttivi, evidenziando le inefficienze, le lacune e le opportunità di miglioramento nel ciclo di produzione.

In questo articolo, esploreremo il ruolo cruciale che i KPI giocano nel limitare gli scarti di produzione e nel ridurre gli sprechi, due priorità per le aziende che puntano a migliorare la propria efficienza. Vedremo quindi anche come l’utilizzo di un buon sistema di KPI si inserisce in una più ampia applicazione della filosofia della Lean Production.

kpi di produzione e scarti

Ti sembra interessante? Bene, allora andiamo avanti …

 

KPI di produzione: cosa sono e perché sono utili?

I KPI sono misure quantitative – o misuratori di performance – che riflettono le prestazioni chiave di un’attività o di un processo di produzione.

Si definiscono anche strumenti metrici che consentono alle aziende di monitorare e misurare i risultati in modo coerente nel tempo.

Nel contesto manifatturiero, i KPI possono essere utilizzati per valutare una vasta gamma di parametri, sia a livello macro che micro, che spaziano dalle prestazioni delle macchine alla qualità del prodotto, all’efficienza operativa.

Perché sono così utili?
Sono utili perché riescono a trasformare dati complessi in informazioni sintetiche e facilmente comprensibili, permettendo ai responsabili e ai manager di valutare le prestazioni aziendali in tempo reale.
I KPI, quindi, aiutano a identificare le aree di forza e di debolezza nei processi di produzione, consentendo un intervento tempestivo per migliorare l’efficienza complessiva delle linee.

 

 

Importanza dei KPI nella riduzione degli scarti

Abbiamo detto all’inizio che l’utilizzo dei KPI è fondamentale per controllare e migliorare il processo produttivo al fine di ridurre gli scarti.

kpi di produzione per riduzione scarti
Gli scarti di produzione rappresentano una delle sfide più significative per le aziende manifatturiere.
Possono derivare da difetti del processo, non conformità dei materiali, errori umani o inefficienze nelle operazioni.
Ci sono specifici KPI legati alla qualità del prodotto, all’efficienza delle macchine e ai tempi di produzione, che identificano i punti critici, gli sprechi e le inefficienze nel ciclo produttivo.

 

Monitorando i KPI le aziende possono prevenire la generazione di scarti.

Sì, perché parliamo di indicatori che consentono di misurare l’efficienza di utilizzo delle risorse, la conformità del prodotto ai parametri di qualità desiderati, i tempi di produzione e molti altri fattori chiave che influenzano la generazione degli scarti.

Vediamo meglio come si può perseguire l’obiettivo del miglioramento continuo (richiamiamo la filosofia Lean) e della massima l’efficienza operativa.

 

Esempi di KPI utilizzati nel settore manifatturiero per il controllo degli scarti

 

kpi di produzione quali sono
Quali sono gli indicatori di produzione più importanti per la gestione degli scarti?
In realtà possono variare a seconda di quali parametri l’azienda sceglie di controllare o di quali obiettivi deve raggiungere.
Ci sono però alcuni KPI comuni nel settore manifatturiero.

 

Questi sono solo alcuni esempi di KPI che le aziende manifatturiere possono utilizzare per monitorare le prestazioni produttive e ridurre gli scarti. E anche per applicare una cultura di Lean Production.

Sono infatti parametri che aiutano sicuramente a ridurre gli sprechi, migliorare i processi e perseguire la produzione snella. Trasformano quindi l’uso dei dati in un miglioramento continuo e tangibile.

 

scarica e-book principi di lean production

 

 

Come monitorare i KPI di produzione: il software MES

Ma passiamo all’aspetto pratico, operativo.

Cosa serve per impostare un sistema di KPI e controllare i processi?
Per tutti i KPI di produzione – quindi anche per quelli sugli scarti – è utile sfruttare i software specialistici.

kpi di produzione e software MES

Un sistema essenziale è il software MES (Manufacturing Execution System), progettato per raccogliere, analizzare e visualizzare in tempo reale i dati provenienti da diverse fasi della produzione.

Il software MES automatizza le attività legate alla raccolta dei dati. Per questo, consente un monitoraggio dettagliato delle performance produttive attraverso dashboard intuitive e report personalizzati, mettendo a disposizione dei responsabili di produzione informazioni immediate sullo stato operativo.

Il vantaggio è ancora maggiore se il MES è interconnesso alle macchine.
In questo caso, l’integrazione tra sistemi di controllo numerico (CNC), sensori avanzati delle macchine e sistema di raccolta dati permette di ottenere dati in tempo reale sulle prestazioni delle attrezzature. Questa connettività facilita il monitoraggio continuo di uno dei KPI principali in produzione, l’OEE, e l’identificazione rapida di eventuali guasti o rallentamenti.

 

I vantaggi del software MES


Per rendere più facile il monitoraggio degli indicatori sugli scarti – e in generale di tutti i KPI – il software MES utilizza soluzioni di visual management. In particolare i MES offrono grafici, cruscotti e dashboard facili da consultare, permettendo una rapida interpretazione dei dati.
kpi di produzione e visual management

 

Molti sistemi MES sono oggi disponibili in versione web e quindi garantiscono un accesso a queste informazioni da qualsiasi dispositivo e da qualsiasi luogo.

Molti MES sono anche completi di funzionalità IoT per raccogliere i dati automaticamente dalle macchine. Questo sicuramente facilita il calcolo di tanti indicatori e anche dell’OEE, perché al sistema arrivano in tempo reale dati importanti sul funzionamento delle macchine e sulle prestazioni produttive.

Possiamo quindi dire in tutta certezza che l’utilizzo di software MES avanzati e l’implementazione di tecnologie IoT rappresentano soluzioni efficaci per il monitoraggio dei KPI di produzione e per il miglioramento delle prestazioni produttive. Questo approccio integrato infatti non solo fornisce una visione completa delle performance, ma costituisce anche la base per un controllo preciso e una gestione strategica della produzione.

 

Conclusione: per l’efficienza produttiva sfrutta i KPI per ridurre gli scarti

Cosa abbiamo capito da questa analisi?
Che puoi migliorare la tua produttività e ridurre gli sprechi in fabbrica implementando un sistema di monitoraggio dei KPI di produzione.

Parliamo infatti di indicatori che sono un potente strumento per identificare le aree critiche, individuare le inefficienze e prendere decisioni correttive tempestive.

Grazie all’adozione di strumenti e software specializzati (come i software MES) puoi implementare un sistema robusto di KPI e iniziare a prendere decisioni basate sui dati.
In questo modo puoi raggiungere l’obiettivo di massimizzare la produttività e minimizzare gli sprechi.

Ti suggeriamo questa guida per approfondire 👇

 

scarica ebook principi di lean production

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Passa al prossimo step:

1.

Scopri perché usare Bravo

Puoi guidare la tua azienda come un pilota di go-kart! Produrre non è solo sudore ma anche divertimento.

2.

Leggi i casi di successo

Le aziende raccontano le loro esperienze con Bravo. Le abbiamo raccolte nelle storie di successo di #bravomes.

3.

Conosci le funzionalità

Bravo Manufacturing ti aiuta a prendere il controllo dei processi produttivi. Scopri tutto quello che puoi fare.
© 2012-2024 Antos S.r.l.   |   Tutti i diritti riservati.
logo Antos